Terrorismo: no a video da Oslo di Krekar

In un tribunale blindato da eccezionali misure di sicurezza è entrato nel vivo quest'oggi a Bolzano il processo per associazione a delinquere a fini terroristici a carico di sei presunti jihadisti, tra cui il mullah Krekar. Il mullah, che respinge le accuse e attualmente vive libero in Norvegia, ha fatto pervenire alla Corte d'assise di Bolzano la richiesta di poter rilasciare delle dichiarazioni spontanee in videoconferenza da Oslo. La richiesta è stata però respinta dal giudice Carlo Busato, perché Krekar è a piede libero e quindi in grado di partecipare all'udienza. Sono stati poi sentiti tre ufficiali dei carabinieri del Ros, che avevano condotto le indagini. I carabinieri hanno ricostruito, documentandoli, i legami tra la cellula meranese di presunti terroristi - ed in particolare di Abdul Nauroz, reclutatore di jihadisti già condannato a sei anni - e lo stesso Krekar. I membri della cellula sarebbero stati pronti ad acquistare armi e compiere attentati. Il processo prosegue domani.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. La Voce del trentino
  2. La Voce del trentino
  3. Il Dolomiti
  4. La Voce del trentino
  5. Il Giorno.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Scena

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...